Visualizzazioni totali

giovedì 15 maggio 2014

THE AMAZING SPIDERMAN II - IL POTERE DI ELECTRO


Titolo originale: The Amazing Spiderman II - Rise of Electro
Anno: 2014
Durata: 142 min
Genere: Cinecomic
Regia: Marc Webb
Sceneggiatura: Alex Kurtzman - Roberto Orci - Jeff Pinkner
Cast: Andrew Garfield/Spiderman/Peter Parker; Emma Stone/Gwen Stacy; Dan Dehaan/Harry Osborn/Green Goblin; Jamie Foxx/Max Dillon/Electro; Paul Giamatti/Aleksei Sytsevich/Rhyno; Sally Field/Zia May;
Voto: 7/10
Trama: Spiderman in questo secondo episodio se la vedrà con Electro (un mostro di energia elettrica altamente concentrata), Green Goblin (alias Harry Osborn che si inietta il dna dei ragni geneticamente modificati per guarire dalla stessa malattia di cui muore il padre) e Rhyno, ovvero Aleksei Sytsevich (un criminale russo, con un armatura fornitagli dallo stesso Osborn), il primo dei "Sinistri sei". E intanto la storia d'amore con Gwen vive degli alti e bassi...


Come al solito, è difficile analizzare un cinecomic. Quando il Cinecomic in questione è Spiderman, lo è ancora di più. Perchè trattasi forse del supereroe meno adult e più young di tutti. Ma il nuovo filone di The Amazing Spiderman presenta dei cambiamenti. O meglio, Marc Webb ha nei suoi intenti quello di far maturare questo personaggio e portarlo al livello di un Cavaliere Oscuro o, per rimanere in campo Marvel, di un X-Man alla Wolverine. In effetti ne Il potere di Electro assistiamo ad un Peter Parker/Spiderman molto più riflessivo e responsabile, che, pur di mantenere la propria parola di lupetto, mette quasi fine all'amore della sua vita. Un eroe coraggioso e generoso, che si batte per il bene comune, ma che antepone anche il bene della sua amata all'amore che egli stesso prova per lei. Per certi versi i primi due episodi del nuovo Spiderman cinematografico ricordano l'evolversi delle vicende del Batman Nolaniano (seppur con mooolta meno introspezione psicologica al suo interno) e ci aspettiamo per il terzo capitolo qualcosa di molto simile all'ultimo episodio del Dark Knight. Insomma, Webb, se potesse far cambiare casata a Spiderman facendolo passare alla DC, lo farebbe di corsa.


Dicono i più esperti che questo nuovo Uomo Ragno sia molto più aderente al fumetto di quello interpretato da Tobey Maguire per Sam Raimi. Sicuramente è un Uomo Ragno che non annoia. Questo sì. E commuove, a tratti. Soprattutto in una delle ultime scene viene fuori (anzi esplode) lo spirito che caratterizza un personaggio amatissimo soprattutto tra i più piccoli. E a qualcuno sarà tornato in mente quando, da bambino, magari a carnevale, indossava il costume del proprio supereroe preferito e lo emulava nelle parole e nei gesti.
Spiderman è e deve essere soprattutto un eroe ed un esempio per i più piccoli, e anche in questo Webb colpisce nel segno con quella bellissima scena in cui un bambino vestito da Uomo Ragno si erge contro il minaccioso Rhino, nello stesso modo in cui quello studente cinese si erse contro il carro armato in Piazza Tienamen, nel 1989.

 

Poi si può ironizzare quanto si vuole sul film, sui personaggi, sulla storia, ma lo spirito di fondo è la cosa più importante. Ed è per questo che mi sento di promuovere, magari non a pieni voti, ma con un bel 7, The Amazing Spiderman II - Il potere di Electro.    

7 commenti:

  1. il primo non mi era dispiaciuto, ma i cinecomic mi attirano sempre mooolto poco...
    prima o poi comunque darò un'opportunità pure a questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti dirò, molto "Teen", ma non per questo un film da buttare. A me è piaciuto molto. Sarà che sono "Teen" dentro... ^_^

      Elimina
  2. mah vedremo, il primo episodio non mi ha convinta del tutto, dovrei vederlo a breve, poi ti dirò ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo il tuo giudizio!!! Comunque, secondo me, merita.

      Elimina
  3. Un bel 7 che condivido e confermo in pieno. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè Spider-Man è il supereroe più giovane e simpatico!!!

      Elimina
  4. Boh, il primo non mi aveva detto molto e questo mi ricorda pericolosamente il terzo capitolo raimiano.
    Prima o poi dovrò vederlo...

    RispondiElimina