Visualizzazioni totali

martedì 29 marzo 2016

DESCONOCIDO - RESA DEI CONTI (EL DESCONOCIDO) DI DANI DE LA TORRE (No Spoiler)


Dalla Spagna con furore, si potrebbe intitolare così il mio commento a questo Action/Thriller ad altissima tensione firmato dall'esordiente Dani De La Torre
Carlos (Luis Tosar), un direttore di banca che sta attraversando un periodo di crisi con la moglie Marta (Goya Toledo), una mattina, stranamente rispetto al solito, si ritrova in macchina con i due figli Marcos (Marco Sanz) e Sara (Paula Del Rio) da accompagnare a scuola. Ad un certo punto squilla un cellulare: uno sconosciuto intima a Carlos di procedere con un bonifico di circa 500.000 euro (tra soldi sul conto di Carlos e ricavi di alcuni fondi d'investimento) minacciando di far saltare in aria l'auto sulla quale è stata posizionata una bomba che, oltre che tramite comando a distanza, esploderebbe anche nel caso in cui qualsiasi dei tre occupanti si alzasse dal proprio posto a sedere. Seguiranno momenti di terrore e suspence tra le continue comunicazioni telefoniche tra Carlos e il misterioso aguzzino, spericolate acrobazie automobilistiche e l'inevitabile intervento delle forze dell'ordine.  


Sono sincero: non mi sarei mai aspettato di vedere un thriller così ben scritto e diretto proveniente dalla Spagna, paese dal quale arrivano prevalentemente commedie e drammi strappalacrime. 
Desconocido è un film che racchiude in sé tutti gli elementi necessari perché lo spettatore rimanga incollato ermeticamente allo schermo per tutta la sua durata: regia magistrale, interpretazioni impeccabili, montaggio perfetto (non a caso alla pellicola sono stati assegnati i premi Goya 2016 nelle categorie Miglior Montaggio e Miglior Sonoro), sceneggiatura senza sbavature. 
Un film, El Desconocido, che ricorda vagamente nella trama i più famosi Speed (1994) di Jan De Bont e In linea con l'assassino (2002) di Joel Schumacher, ma che per il resto ha uno sviluppo del tutto originale ed imprevedibile (che non vi sto certamente a svelare, così come mi sono ben guardato dall'indicarvi il nome dell'attore che interpreta il bombarolo). 


Molto interessante risulta la caratterizzazione dei personaggi dalla quale emerge, man mano che si va avanti nel racconto, una loro concezione per certi versi Tarantiniana: tutti sono sia vittime che carnefici (figli a parte, uniche figure candide coinvolte)  perché in un mondo marcio come questo tutti hanno le loro colpe, seppur nessuna talmente grave da giustificare tanto sadismo nel già deprecabile comportamento dell'iberico Una Bomber
Risultano inoltre molto ben realizzate le scene di inseguimento all'interno della città ed è letteralmente da applausi un piano sequenza di circa 5 minuti che divide quasi esattamente a metà il film e risucchia completamente lo spettatore all'interno del film tra ambulanze, furgoni blindati della polizia ed agenti impegnati in un andirivieni quasi isterico e dona, come se ce ne fosse bisogno, un'ulteriore, massiccia dose di pathos allo sviluppo della vicenda al quale fa da contraltare la glaciale calma del capo degli artificieri Belèn (Elvira Minguez).


Un autentico gioiellino di cui mi sento di consigliare la visione non solo agli appassionati del genere, ma a chi ama il cinema in generale. 
Desconocido - Resa dei Conti sarà nelle sale italiane a partire dal 31 marzo.
Voto: 8,5/10
Luca Cardarelli


2 commenti:

  1. Mi ispira parecchio, lo attendo abbastanza! La tua recensione mi dà decisamente coraggio! Staremo a vedere

    RispondiElimina