Visualizzazioni totali

martedì 21 febbraio 2017

JACKIE (2016) DI PABLO LARRAIN


Un'altra tappa fondamentale lungo la strada che porterà alla lunga notte degli Oscar è costituita sicuramente dall'ultimo film firmato Pablo Larrain che vede protagonista assoluta Natalie Portman nei panni di una delle più giovani e chiacchierate First Ladies della storia degli Stati Uniti: Jacqueline Kennedy. Già applaudito all'ultima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, Jackie prende in esame solo alcuni giorni della vita della protagonista, ovvero quelli che intercorrono tra il 22 novembre e il 25 novembre del 1963, rispettivamente quello dell'assassinio di John Fitzgerald Kennedy e quello del suo funerale, raccontati dalla ex First Lady in un'intervista rilasciata a Theodore H. White/Billy Crudup per la rivista Life, presso la residenza della Famiglia Kennedy a Hyannis Port nel Massachusetts.


Dopo lo sconvolgente El Club, Pablo Larrain si fa carico di un'altra storia difficile da raccontare, in quanto non vi è niente di più arduo che estrapolare da materiali d'epoca, interviste, sia in versione scritta che audio e video, il pensiero una First Lady americana. Quando poi la First Lady in questione è Jackie Kennedy, la faccenda si complica ulteriormente, sapendo (e non sapendo) quello che ci fu dietro uno dei fatti di cronaca che più destabilizzarono l'ambiente politico e civile made in USA, ovvero l'omicidio del Presidente Kennedy


Ciononostante Larrain, sull'ottima sceneggiatura scritta da Noah Oppenheim, realizza - anche grazie all'eccellente performance, da Oscar, offerta da Natalie Portman in versione sosia di Jackie, non solo per quanto riguarda l'aspetto fisico, ma anche per il modo di atteggiarsi e di parlare - un film che in soli cento minuti riesce a far luce su parecchi lati oscuri della personalità e del pensiero di Jackie Kennedy, che pure era famosa per la sua impenetrabilità e riservatezza e, inoltre, riesce anche a colpire emotivamente chi guarda.  


Sul piano tecnico non vi sono appunti da fare, in quanto tutto rasenta la perfezione. Dalle inquadrature maniacalmente simmetriche Kubrick style, alla fotografia che ci immerge totalmente negli anni '60 (ancora non è chiaro se siano state usate anche immagini di repertorio, oltre alle scene realizzate appositamente nel formato televisivo dell'epoca), per arrivare alle musiche opprimenti e funeree e ai costumi, elementi, questi ultimi due, per i quali il film ha ottenuto con merito la nomination agli Oscar di categoria, insieme a quella per l'Oscar per la Miglior attrice protagonista ottenuta altrettanto meritatamente dalla Portman. 


Conoscendo i gusti del grande pubblico, il film potrà risultare noioso ai più, in quanto si tratta di una pellicola di cento minuti occupati quasi interamente da dialoghi, ma sarà estremamente apprezzato dai cinefili appassionati. 
Da vedere preferibilmente in Versione Originale Sottotitolata per apprezzare appieno la grande performance di Natalie Portman.  
Jackie farà la sua comparsa nei cinema italiani il 23 febbraio (la data di uscita originariamente era stata fissata per il 16 febbraio). 
Voto: 8,5/10
Luca Cardarelli


8 commenti:

  1. Tutto molto belli, tutti molto bravi.
    Ma, per dirlo alla Ventura maniera, non mi è arrivato.
    E lei, così in parte da risultare petulante, mi è stata umanamente molto antipatica. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla luce delle premiazioni appena avvenute, Natalie la statuetta l'avrebbe meritata.

      Elimina
  2. Molto molto bello, affascinante soprattutto per chi, come me, ha un interesse morboso per quel periodo.
    La Portman è semplicemente grandiosa, ho apprezzato moltissimo il suo modo di parlare, i vari tic, per non parlare dei costumi fantastici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece i costumi sono passati inosservati agli Oscar. E pure Natalie. Peccato. Rimane comunque un film superlativo.

      Elimina
  3. a me la Portman piace molto.
    moltissimo direi.

    il personaggio, e la persona Jackie, la conosco troppo poco, e sono parecchio contenta di approfondirla attraverso un film con una protagonista tanto forte...

    ci sono diversi film interessanti che concorrono per l'Oscar, e dovrò fare una vera maratona pre notte da statuetta d'oro d'eccellenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mio avviso nessuna attrice ha fatto megkio della Portman. L'academy ha premiato la Stone, che era la mia preferita dopo Natalie.

      Elimina
  4. Un film eccezionale, sia sul lato tecnico che di scrittura. E poi Natalie Portman... assolutamente fantastica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No comment sulle premiazioni. Sono troppo scosso.

      Elimina