Visualizzazioni totali

martedì 4 marzo 2014

"SUPERCONDRIACO": MALATO, MALATISSIMO, PRATICAMENTE SANO!



Seconda mia recensione in anteprima scritta per il Blog TheOscarface.
La collaborazione continua!!!
Romain Flaubert (Dany Boon), fotografo per una rivista scientifica on line, è un soggetto ipocondriaco irrecuperabile. Il suo migliore, nonché unico, amico, è il suo medico di base Dimitri Zvenska (Kad Merad). Qualsiasi cosa gli capiti, da un formicolio anonimo ad un mal di testa lancinante passando anche per morti apparenti e fantomatici tumori, Romain chiama Dimitri. Si trasferisce pure a casa sua per poter essere curato meglio. Dimitri, messo alle strette dalla moglie psicologa che addirittura sospetta un suo amore represso nei confronti di Romain, lo vuole sistemare con una donna con lo scopo di levarselo di torno una volta per tutte…
La premiata ditta Boon/Merad, già apprezzata in Giù al nord, in Supercondriaco è tornata più scoppiettante che mai con un film che mette a nudo una delle peggiori ossessioni che un uomo possa avere: l'ipocondria. Soprattutto ora, con a disposizione informazioni pressoché illimitate grazie alla rete, il fenomeno (o disturbo psichico?) è più diffuso che mai. Quanti di noi, notando "qualcosa che non va" hanno aperto almeno una volta la pagina di google e digitato i sintomi nel box di ricerca?  Ecco, Romain Flaubert vive praticamente in simbiosi con il suo pc perennemente collegato alla pagina "medicweb". Odia le feste, soprattutto quelle che implicano baci e abbracci come quella di capodanno (l'esilarante scena iniziale), per paura di beccarsi qualche infezione dovuta a chissà quale microbo o bacillo volante. La genialità di Boon non sta tanto nel raccontare, seppur benissimo, questa fobia estrema (tra l'altro ha affermato di rispecchiarsi molto nella figura di Romain e che realmente uno dei suoi migliori amici è anche il suo medico), ma nel combinarla con una vicenda molto movimentata in stile "Action Movie" in una classica commedia degli equivoci contraddistinta da un ritmo alto dall'inizio alla fine.


Altro tema trattato all'interno del film è il rapporto che gli ipocondriaci hanno con le donne. Dani Boon è uno scapolo per scelta. Sì, per scelta delle donne. E il suo migliore amico lotta con tutte le sue forze per convincerlo a trovarsi una ragazza che lo guarisca. La vicenda si movimenta ulteriormente quando entra in scena la sorella di Dimitri, Anna (Alice Pol), impegnatissima nell'attività diplomatica nei paesi afflitti da guerre civili e rivoluzioni, come nel caso del fantomatico paese del Tcherkistan. E qui spunta fuori l'elemento action, generato da un banale scambio di persona a causa del quale il nostro Romain, accusato di essere il capo dei rivoluzionari, viene arrestato e rinchiuso in una prigione in stile Guantanamo. Costretto a dividere la cella con scarafaggi e topi, il nostro supercondriaco si ritrova a fare i conti con ciò di cui ha più paura: la disgrazia, come sempre avviene nei film di questo genere, si trasforma in fortuna perchè Romain imparerà a superare le sue paure e si dimostrerà inaspettatamente coraggioso. L'elemento romantico, portato dalla bella quanto svampita e pasticciona Anna, dona inoltre al film quel miele che non guasta mai.


Siamo di fronte ad un prodotto di buona fattura, anche se alla lunga può risultare un po' stancante, vuoi per la coppia comica Boon/Merad che ha sparato le sue più potenti cartucce già con Giù al Nord, film veramente esilarante dalla prima all'ultima scena, vuoi perchè noi italiani, quanto ad ipocondriaci, vantiamo due pezzi da 90 come Carlo Verdone e Margherita Buy in Maledetto il giorno che t'ho incontrato. Un film, Supercondriaco, caratterizzato da una sceneggiatura varia e ben sviluppata lungo tutta la durata del film, senza tempi morti:  si ride bene e si ride tanto. Ottime anche le scelte scenografiche: esilarante la parete della casa di Romain, completamente occupata dai medicinali, e molto ben curata l'ambientazione carceraria (la prigione è stata recuperata da un vecchio rifugio antiatomico risalente all'epoca Sovietica nei pressi di Budapest che dà proprio l’idea di un Lager).
I francesi, con a capo Dany Boon che si conferma un ottimo attore/regista/sceneggiatore, negli ultimi anni hanno veramente assunto il ruolo di leader europei nel genere della commedia: pensiamo a film come il già citato Giù al Nord (rifatto in salsa tricolore con Benvenuti al Sud), Niente da dichiarare? (ottima commedia sulla rivalità tra Belgi e Francesi, diretto sempre da Boon), Il piccolo Nicolas e i suoi genitori (semplicemente esilarante) fino ad arrivare al recente Un piano perfetto (in cui Dany Boon è protagonista insieme ad un'effervescente Diane Kruger). Anche se ultimamente sembra che il cinema italiano si stia ridestando sul campo della commedia dopo anni di encefalogramma piatto, i nostri cuginastri si godono la loro epoca d'oro sfornando sempre più spesso ottime pellicole ridanciane che solo una decina di anni fa sembravano utopia.
Nelle sale italiane dal 13 marzo.



Nessun commento:

Posta un commento